Strage scuola: «Colpa delle unioni gay»

Home » News » Strage scuola: «Colpa delle unioni gay»

Di admin il 19 Dicembre 2012. Nessun commento

Se il Papa considera le unioni gay una ferita alla pace ed alla dignità umana, perchè questi idioti americani non possono pensare che l’omosessualità porti a commettere stragi??? Una notizia delirante ma che ben esprime il delirio omofobico, sessista e violento in cui sono entrate le religioni. L’assassino sicuramente non era gay, così come sicuramente era religioso. Tirate un pò voi le conclusioni!

New York – Il massacro nella scuola elementare di Newtown è il risultato di un’America che «volta le spalle a Dio». La condanna che suona quasi come un anatema viene da uno dei più potenti leader conservatori cristiani, James Dobson, fondatore dell’associazione “Focus on the Family”.

«Il giudizio di Dio è caduto su di noi – ha detto durante il suo programma “Dr James Dobson’s Family Talk” – qualcosa è andato storto in America e noi abbiamo voltato le spalle a Dio». Dobson ha specificato che il suo non è un riferimento alla situazione politica bensì al fatto che l’istituzione del matrimonio è su una complessa via di ridefinizione. «Credetemi – ha commentato – ci saranno conseguenze».

Il leader conservatore ha anche puntato il dito contro i milioni di bambini che vengono uccisi tramite l’aborto. La sua associazione è famosa che per campagne al vetriolo lanciate contro i diritti degli omosessuali, le unioni gay e l’aborto. Le sue affermazioni fanno seguito a quelle di altre leader cristiani conservatori.

La scorsa domenica, il reverendo Sam Morris durante il suo sermone in una chiesa battista in Tennessee ha detto che gli americani si sono arrabbiati per venti bambini uccisi in una scuola e non fanno lo stesso invece per i 4 mila che sono stati strappati dal grembo materno quello stesso giorno.

Bryan Fischer, conduttore di un talk show sulla famiglia – ha detto che Dio non ha protetto le vittime di Sandy Hook perché la preghiera è stata tolta dalle scuole pubbliche negli anni ’60. In campo è sceso anche l’ex candidato repubblicano alla presidenza Mike Huckabee, il quale ha affermato che non deve sorprendere che simili tragedie accadano, perché «abbiamo tolto Dio dalle nostre scuole».

Fonte il Secolo XIX

Pubblica un commento