Matt Jarvis: “Calciatori gay uscite allo scoperto, giocherete meglio”

Home » Interviste » Matt Jarvis: “Calciatori gay uscite allo scoperto, giocherete meglio”

Di admin il 4 Gennaio 2013. Nessun commento

L’ala destra del West Ham United, Matt Jarvis, è il terzo calciatore pubblicato sulla copertina della rivista gay più venduto del Regno Unito, nel tentativo di rompere uno dei più grandi tabù rimanenti del gioco. Il calciatore, che è sposato, segue David Beckham, che è apparso sulla copertina di Attitude nel 2002, e Freddie Ljungberg nel 2006. La rivista viene pubblicata dal 1994.

In un’intervista, il giocatore ha detto che era giunto il momento, per un calciatore gay, di venire allo scoperto “E ‘la vita di tutti i giorni. Non è qualcosa che può essere uno shock,” ha detto. “Sono sicuro che ci sono molti calciatori che gay, che vorrebbero “venire fuori”, ma quando decidono di farlo realmente la cosa cambia e diventa molto più difficile. Sicuramente ci hanno pensato tante volte ma è difficile che lo facciano.”

Nel 1990 Justin Fashanu – il primo giocatore nero da 1 milione di sterline, che ha giocato per Norwich, Nottingham Forest e Hearts – ha subito discriminazioni continue dopo il suo coming out. Si è ucciso otto anni dopo.

L’unico calciatore del momento che ha fatto coming out è Anton Hysen, un giocatore nelle serie inferiori svedesi.

Sull’uscita di Clare Balding, che fare il coming out migliorerebbe le prestazioni sportive dell’atleta, Jarvis ha detto:.. “Sono d’accordo. Perchè si ha sempre qualcosa da nascondere, che preoccupa e non ti lascia concentrare. Una volta fatto il coming out sei davvero libero di concentrarti unicamente su quello che fai e la tua resa è sicuramente superiore”.

Secondo Jarvis ormai i tempi sono cambiati e i giocatori gay troverebbero sostegno negli altri giocatori, nei fan o nelle organizzazioni di categoria. L’omofobia nel calcio resta un problema ostinato, disse Alice Ashworth, responsabile delle politiche di Stonewall. “Il nostro sondaggio ha scoperto che tra i tifosi di calcio uno su quattro pensa che sia uno sport anti-gay, mentre sette su 10 hanno sentito offese omofobe sulle gradinate.

Matthew Todd, il direttore di Attitude, ha detto che è ora che il calcio inizi ad affrontare l’omofobia nello stesso modo in cui affrontare il razzismo. “E ‘ridicolo che non ci siano giocatori apertamente gay nel calcio professionistico”, ha detto. “C’è stato giustamente un focus sul liberare il gioco dal razzismo, ma non sembra esserci un grande sforzo ad affrontare l’omofobia.”

Fonte Attitude

Pubblica un commento