Apple censura Gayromeo: niente foto sexy sull’iPhone

Home » Intrattenimento » Apple censura Gayromeo: niente foto sexy sull’iPhone

Di admin il 5 Marzo 2013. Nessun commento

Il colosso informatico di Silicon Valley, guidato da uno dei più potenti omosessuali del mondo, Robert Cook, ha imposto a Gayromeo di censurare le foto softcore sui suoi dispositivi. Quelle hardcore le aveva già oscurate lo scorso anno

“Ci sono notizie per voi e non sono delle migliori”. Comincia così un lungo messaggio di Gayromeo, il celebre sito di incontri online tedesco, per informare gli utenti della decisione di Apple di limitare ancora di più la visione delle foto nelle loro app. “Come già saprete, loro non ammettono contenuti sessualmente espliciti nelle app per iPhone e iPad. Da parte nostra ci siamo sempre attenuti a questa regola impedendo alle immagini hard di apparire sui profili all’interno delle app.” Ma questo non è bastato, “d’ora in poi, nemmeno le immagini soft saranno ammesse”.

La app per iPhone

La Apple ha dato a Gayromeo 48 ore di tempo per “coprire” le foto considerate softcore, ovvero di nudo parziale, o la app per Gayromeo sarebbe stata rimossa. “Ragazzi, siete davvero troppo sexy per i censori di Silicon Valley!” sdrammatizzano da Gayromeo e poi si giustificano “abbiamo dovuto oscurare immediatamente le immagini softcore nelle app per iPhone e iPad. Lo sappiamo quanto questo è frustrante ma vi preghiamo di capire che non è colpa nostra, non prendetevela con noi nelle recensioni! A noi piacerebbe mostrare tutto ma semplicemente Apple non è d’accordo. Abbiamo le mani legate”. Al posto delle immagini censurate appare ora la scritta “TOO HOT”.
L’iniziativa della Apple non avrà alcun effetto sui dispositivi Android dove si potranno continuare a vedere tutte le immagini così come sulla versione browser per cellulari: touch.planetromeo.com che loro stessi consigliano di usare.
Tempi duri per gli Apple dipendenti, sui forum già in tanti si chiedono perchè non passare alla piattaforma libera di Android, senza censure e molto meno costosa di quella Apple.

Pubblica un commento